l’Identikit dei nuovi imprenditori

identikit imprenditore

Un’indagine di Unioncamere, traccia lo scenario Italiano per chi scommette su un’attività in proprio. Chi sono i nuovi imprenditori che nonostante la situazione di Crisi della burocrazia sempre più oppressiva, scommettono su se stessi avviando un’attività in proprio?

Sono in netta maggioranza gli uomini (74%) e di questi l’87% sono Italiani, ma sorprendentemente, l’apporto degli immigrati extracomunitari (8%) è superiore a quello degli Europei (5%) e quindi comunitari.

Il 44% del neo imprenditori, ha il diploma di scuola superiore, ma non è una sorpresa che ci siano pochi laureati. Nella stragrande maggioranza dei casi si diventa imprenditori dopo aver compiuto qualche altra esperienza lavorativa e con spalle un bagaglio di esperienza pratica per la nuova attività.

Solo il 13 % dei nuovi “capitani d’impresa” non vanta un background lavorativo. Il 9% tenta la strada imprenditoriale dopo aver perso una precedente occupazione. Ma oggi chi ha i soldi necessari per tentare la strada dell’imprenditoria? In pochi certamente.

Tuttavia oltre la metà dei 173.000 nuovi imprenditori che hanno aperto un’azienda nel 2012, si sono messi in proprio investendo meno di 5 mila euro e lottando ogni giorno con crisi e burocrazia.

Questa è per l’appunto la denuncia di Unioncamere, corredo dell’indagine realizzata nel suo centro studi con un campione espressivo delle circa 384.000 imprese iscritte nei registri delle camere di commercio nel corso del 2012. Bene! mi permetto un commento personale sui dati di Unioncamere.

Anzitutto partiamo dal fatto che se vuoi diventare imprenditore o imprenditrice oggi, devi per forza studiare, formarti ed essere in possesso di tutti gli strumenti necessari per affrontare “l’avventura” con buone possibilità di riuscita.

Non bastano piccole esperienze lavorative per diventare imprenditori, serve buona volontà e competenze del settore dove s’intende operare e se queste non ci sono, devi acquisirle.

Un’altra cosa importante, è il capitale che hai a disposizione, a meno che tu non operi online, devi avere un fondo da mettere a disposizione per la tua impresa. Perché ti ho detto “a meno che tu non operi online”? Operando su internet, i fondi di cui hai bisogno sono veramente ridotti all’osso. Di questo però ne parleremo successivamente.

Devi solo sapere che, operare online oggi, fa la differenza tra te e gli altri che non lo fanno.

Mancanza di un Business Plan. La maggior parte degli imprenditori, parte con un’idea di business, senza una “mappa” precisa su dove arrivare e come farlo.

Altra cosa importante, consultare esperti del settore in cui vuoi operare per capire come muoverti, partire a testa bassa, senza riordinare le idee, porta al fallimento nel 90-95% dei casi, nel giro di 3/5 anni al massimo. La verità è che la materia “Fare impresa” cosi come quella concernente la “libertà finanziaria” dovrebbe essere insegnata nelle scuole.

A maggior ragione ritengo Indispensabile “Scuola d’impresa, unica Iniziativa in Italia volta a formare gli imprenditori, per chi vuole intraprendere un’attività, partendo con le giuste conoscenze, ma anche per chi l’attività l’ha già avviata e vuole procedere con la massima tranquillità o non vede risultati soddisfacenti.

Mettiamo a disposizione oltre quaranta anni di esperienza nel settore, tutta una serie di professionisti affermati e le testimonianze di chi è riuscito a creare imprese che funzionano, imprese vincenti nei vari settori.

E’ vero c’è la crisi economica, la Burocrazia opprime nella sua morsa le imprese, ma chi desidera veramente crearsi un’attività indipendente non si ferma certo davanti a piccoli ostacoli, li supera con un balzo, cerca i finanziamenti, si fa aiutare per primo dai parenti, dagli amici, se ha un buon progetto, il finanziamento non sarà un problema.

Un progetto serio, può essere valutato da esperti e se valutato valido, finanziato. Esistono inoltre finanziamenti a fondo perduto

Come vedi, anche se viviamo un periodo difficile, ci sono molte opportunità da prendere in considerazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *