Come Cambiare una Mentalità Limitante

mentalità limitante

Tutti noi abbiamo delle limitazioni all’agire alle varie situazioni, frutto di credenze e convinzioni.

Le credenze possono essere:

Limitanti o potenzianti, in funzione di quello che ci hanno insegnato e all’ambiente circostante.

Sono potenzianti, quando crediamo di essere bravi in qualcosa , nel lavoro, come nella vita di tutti i giorni e possiamo godere di un’ottima autostima.

Sono limitanti, quando pensiamo di non riuscire in qualche cosa, di non essere all’altezza di una situazione, perché la riteniamo troppo difficile e questo ci impedisce di agire correttamente per affrontarla.

La credenza di non sapere fare qualcosa, magari non avendoci neanche provato, oppure avere una bassa autostima di noi nelle varie situazioni, va ricercata nei primi anni della nostra vita, dove la famiglia e l’ambiente in cui abbiamo vissuto, ci hanno convinto di essere in grado di fare solo certe cose, mentre altre non sarebbero state alla nostra portata.

Una credenza non è nient’altro che una certezza riguardo a qualche cosa.

Ma la certezza chi ce la da. Cos’è per te giusto o sbagliato, possibile o impossibile, cosa significa per te posso farlo o non posso farlo.

Che tu creda di farcela o di non farcela, avrai comunque ragione.
Henry Ford.

Le convinzioni, danno sicurezza, tranquillità, qualcosa di cui sei certo.

Le credenze limitanti, bloccano, qualsiasi iniziativa diversa tu voglia fare e in età adulta,  impediscono di continuare a crescere, facendoti credere di essere ormai arrivato, “quello che è fatto è fatto” “se fossi più giovane” “non sono portato”, abbiamo le nostre convinzioni e credenze per ogni aspetto della vita.

Quello che a noi interessa in questo contesto sono le limitazioni riguardo il denaro e all’avviare una attività d’impresa.

Vi siete mai trovati nella situazione di vedere vostra moglie, marito, il vostro compagno , un amico oppure un parente che non riesce mai a risparmiare un cent, anzi non riesce a trattenere in tasca neanche uno spicciolo, spende tutto, si libera immediatamente di tutti i soldi che ha a disposizione?

Bene! sicuramente ci troviamo di fronte ad una persona con una credenza negativa nei confronti dei soldi, probabilmente acquisita dai genitori. E’ capitato anche a me, anch’io  avevo una credenza negativa nei confronti del denaro, i miei genitori associavano il denaro al male, a qualcosa di sporco, al malaffare. La chiesa nel corso dei secoli ha sempre associato il denaro come a qualcosa di negativo, siamo cresciuti con questa mentalità limitante.

Ho fatto l’esempio del denaro, ma le limitazioni e le credenze, ci limitano e ci condizionano in ogni aspetto della nostra vita. Anche e sopratutto nel caso di chi vuole intraprendere. quante volte siamo stati bloccati da chi ci sta vicino?

Ci inculcano le loro paure: non farlo, non è il momento,  c’è la crisi, pensaci bene,  rimani dove sei. Certo te lo dicono perché ti vogliono bene, in questo modo però, limitano la tua creatività, la fantasia, il tuo sogno, la tua voglia di essere libero e indipendente.

Come uscire da questa situazione!! Come realizzare il cambiamento!!

Innanzitutto dobbiamo prendere consapevolezza della situazione, superare gli ostacoli, ascoltare chi ci sta vicino, ma decidere in perfetta autonomia.

Per realizzare un cambiamento, bisogna modificare le credenze e le convinzioni negative e limitanti, acquisite, con nuove credenze potenzianti e costruttrici, con una rinnovata autostima in noi stessi e nel fatto che ce la possiamo fare, che siamo in grado di superare le difficoltà e gli errori, traendo da questi ultimi insegnamenti utili per il raggiungimento dei nostri obiettivi, oltre alla consapevolezza ci vuole anche la comprensione, dobbiamo riuscire a capirci, a comprendere quali sono i nostri pensieri  perché la positività o la negatività dipendono proprio dal nostro modo di pensare.

Bisogna imparare ad avere pensieri positivi, trasformare le nostre emozioni in energia, l’energia in azione e motivazione per raggiungere i migliori risultati e gli obiettivi desiderati.

Quando ci assalgono i pensieri collegati a cattive o negative credenze, dobbiamo immediatamente dissociarci da questi perché sono pericolosi e potrebbero anche inconsciamente boicottare il successo della nostra azione.

Si arriva al risultato quando impariamo a conoscere che le credenze e le convinzioni limitanti, ci portano ad avere incredibili svantaggi, portano all’insuccesso, al fallimento. La Pnl “programmazione neurolinguistica” ha studiato a fondo l’eccellenza delle persone, in tutti gli ambiti e gli aspetti della vita, ci insegna che tutto è replicabile, se una cosa è stata fatta, la si può rifare.

Ognuno di noi può prendere a modello e migliorare tutto ciò che è stato fatto. anzi la fantasia, la voglia di fare, la motivazione, l’apprendimento, gli studi, l’autostima, hanno portato l’uomo a risultati strabilianti.

Provate a pensare ad esempio a Leonardo Da Vinci, oppure ad Albert Einstein, o a qualche altro scienziato, in qualsiasi era se fosse stato condizionato da credenze e convinzioni limitanti, non avrebbe mai realizzato nulla.

Meglio aggiungere vita ai giorni, che giorni alla vita (Rita Levi Montalcini)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *