maggiore concorrenza

Le Liberalizzazioni Trappola Mortale Per i Piccoli Imprenditori

Nate con lo Scopo di aumentare la concorrenza e favorire la nascita di nuove realtà imprenditoriali, si sono rivelate utili solo per le grosse imprese e la distribuzione organizzata.

Le liberalizzazioni hanno portato alla de specializzazione di decine di migliaia di piccole imprese commerciali, che attratte dalla possibilità di vendere qualsiasi prodotto o servizio

con l’illusione di poter vendere “a tutti” , hanno eliminato il più grande punto di forza e di vantaggio che potevano offrire alla loro “nicchia” di mercato: Essere Specializzati in quei prodotti.

I risultati della tanto vantata Liberalizzazione non si sono fatti attendere, la concorrenza, in modo particolare nei piccoli negozi e nei mercati, è diventata sempre più agguerrita, abbassando

sempre più i margini di guadagno. le attività fotocopia crescevano ogni giorno sempre di più. Le regole che per Decenni hanno ben regolamentato il commercio, consentendo alle piccole attività

di vivere dignitosamente, spezzate per sempre, a vantaggio dei grossi gruppi che potevano indisturbati far finta di farsi concorrenza (petrolieri e c) che di fatto si sono fatti solo i loro interessi.

Prendiamo per esempio  i bar fino a prima delle liberalizzazioni le regole erano severe,oltre ai requisiti, per avviare una attività bisognava rispettare la distanza tra un’esercizio e l’altro.

Ora spuntano come funghi, uno accanto all’altro, mentre il numero dei clienti è rimasto sempre lo stesso.

Risultati un’altissimo tasso di chiusura/ apertura di attività, un bagno di sangue per chi prova ad avviarne una, svalutazione del valore di Avviamento, incassi da fame, anche in questo caso solo chi

riesce a differenziarsi ha possibilità di continuare nella attività.

Ancora peggio è andata per il piccolo negozio di alimentari, calzature o abbigliamento, qui è stata e continua ad essere una Strage.

I commercianti più anziani ricordano con nostalgia il REC, e il sistema Tabellare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *