COME AVVIARE UNA PIZZERIA D’ASPORTO

pizzeria d'asporto

Vuoi iniziare un’attività di pizzeria d’asporto?

Ricevo diverse telefonate e messaggi e-mail in merito e ho deciso di fare chiarezza perchè c’è molta confusione in merito.

Intanto bisogna avere i requisiti di legge morali e professionali, per quanto riguarda i requisiti morali sono comuni alle altre attività:

  1. Non aver avuto fallimenti dell’attività.

  2. Non avere procedimenti penali.

  3. Non aver commesso reati contro il patrimonio ecc.

Per quanto riguarda i requisiti professionali occorre fare delle distinzioni:

Nel caso in cui all’attività artigianale sia associata la vendita di prodotti alimentari è necessario il possesso di uno dei seguenti requisiti da parte del titolare “del soggetto delegato oppure del preposto” di impresa individuale di società o di associazione:

  1. Avere frequentato con esito positivo un corso professionale che abiliti alla vendita e alla somministrazione di alimenti e bevande, istituito o riconosciuto dalle regioni, dalle camere di commercio e dagli enti riconosciuti, costo (600/800€), in alternativa per avere automaticamente i requisiti professionali (senza obbligo del corso)

  2. Avere per almeno due anni anche non continuativi nel quinquennio precedente, esercitato in proprio attività d’impresa nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande o di aver  prestato la propria opera presso tali imprese, in qualità di dipendente qualificato, addetto alla vendita, all’amministrazione, alla preparazione degli alimenti, in qualità di socio lavoratore o in altre posizioni equivalenti. Se si tratta del coniuge, parente o affine, entro il terzo grado, in qualità di coadiutore familiare, comprovato dalla iscrizione all’Istituto nazionale per la previdenza sociale.

  3. Essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale, purché nel corso di  studi siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti. Sia per le imprese individuali che per le società, associazioni od organismi collettivi, i requisiti professionali devono essere posseduti dal titolare o rappresentante legale, ovvero in alternativa, dall’eventuale persona preposta all’attività.

  4. Ilpizzaiolo, deve avere frequentato un corso di abilitazione alla professioneSe l’attività non prevede la consumazione sul posto di pizza, bevande o altro, ma solo l’asporto della pizza, non occorrono i requisiti professionali, in quanto non si tratta più di un’attività di somministrazione, ma di una attività artigianale. Nel caso in cui vendi bevande, hai bisogno della frequenza al corso che in automatico abilita anche alla somministrazione di alimenti.

  5. Il locale che deve avere agibilità artigianale, con il laboratorio di produzione anche separato Puoi installare una friggitoria, purché il laboratorio sia sufficientemente ampio e separato dalle altre zone. In quanto attività artigianale per asporto, può avere un solo bagno con antibagno e spogliatoio per il personale. Non c’è l’obbligo di fornire un bagno per i clienti.

  6. Non si può effettuare servizio ai tavoli, che però possono essere ugualmente posizionati per consentire ai clienti di consumare il prodotto all’interno del locale. È importante fare attenzione alle emissioni di fumi in atmosfera. Se non è possibile installare una canna fumaria, bisogna installare un abbattitore di fumi. Inoltre i locali devono essere in “regola” con gli impianti anti-incendio “vigili del fuoco”, con l’impianto elettrico e se necessario con l’impatto acustico, e con gli obblighi igienico-sanitari.

Per esercitare occorre l’autorizzazione del comune, sede dell’esercizio e devi presentare:

  1.  Domanda scia di inizio attività “al comune”, corredata da asseverazione tecnica “requisiti locale”.

  2.  Iscrizione alla camera di commercio “sezione artigiani”.

  3.  Iscrizione all’inps e all’inail “per via telematica”.

Se vuoi maggiori dettagli, puoi contattarmi, mandare un’email a: giovi175@yahoo.it, oppure telefonare al n°: 0266307711

Un esperto è a completa disposizione per eventuali chiarimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *